Category | Omega

Storia: Omega e J.F.Kennedy

La tradizione di una prestigiosa maison orologiera si riconosce anche per i personaggi storici con i quali essa ha interagito nel corso della sua vita.

Omega è certamente, e a detta di tutti, la casa che maggiormente vanta aneddoti storici di enorme rilevanza, così numerosi che nel sceglierli si viene colti da imbarazzo.

J.F.Kennedy con al polso il suo Omega Ultra Thin, il giorno dell'insediamento alla Casa Bianca

J.F.Kennedy con al polso il suo Omega Ultra Thin, il giorno dell’insediamento alla Casa Bianca

Quello su cui ci concentriamo oggi è l’orologio di uno dei Presidenti degli Stati Uniti d’America più amati della Storia: J.F.Kennedy.

Per lui un orologio Omega fu addirittura profetico e protagonista dell’evento pubblico che probabilmente ha più emozionato il primo Presidente americano cattolico: la sua elezione.

Nel 1960 infatti, quando ancora John Kennedy era impegnato nella campagna elettorale che lo opponeva al Repubblicano Richard Nixon e all’indipendente Harry F. Byrd, un suo grande amico, Grant Stockdale, pensò di fargli un prezioso omaggio.

La scelta cadde su quello che probabilmente era l’orologio più ambito del momento: Omega Ultra Thin Wristwatch, un segnatempo molto piatto che interpretava perfettamente, con la sua forma lievemente rettangolare in lunghezza, i canoni di bellezza dell’epoca.

Sul fondello Stockdale fece incidere: “President of the United States John F. Kennedy from his friend Grant” (Al Presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy dal suo amico Grant), formulando in questo modo e contemporaneamente un messaggio augurale e la certezza che Kennedy fosse effettivamente eletto.

Fu certamente un atto di estrema fiducia, ma abbastanza profetico, perché in quel momento della campagna, in piena guerra fredda contro i sovietici, l’America meditava sull’opportunità di affidarsi a un Presidente Repubblicano, risoluto e deciso, piuttosto che a un Democratico, tradizionalmente più diplomatico.

Kennedy gradì così tanto quel regalo, che dicono le cronache, difficilmente si staccava da quell’orologio, e probabilmente questi era al suo polso al momento della sua elezione, avvenuta in data 8 novembre 1960.

Quel che è certo, anche perché documentato da una fotografia apparsa sulla copertina “Life Magazine”, è che il Presidente portava al polso il suo Omega Ultra Thin il giorno della cerimonia di insediamento alla Casa Bianca il 21 gennaio 1961.

Negli Stati Uniti, alcuni tra i grandi cultori della storia dei Kennedy asseriscono, certo enfatizzando, che quell’orologio fosse come un vero porta-fortuna per John, e a testimonianza di ciò adducono che quel tragico giorno della sua morte a Dallas, egli portasse al polso un altro segnatempo.

Questo orologio ha fatto parte, fino al 2005, della più famosa collezione orologiera privata del mondo: la Robert White Collection. In quell’anno fu acquisito dalla maison del mitico Nicholas Hayek, e fa oggi bella mostra di sé al Museo Omega.

La Storia dell’Orologeria è densa di queste storie molto suggestive, e nella maggior parte di esse Omega è presente, a

Omega Ultra Thin Wristwatch, appartenuto al Presidente John F. Kennedy

Omega Ultra Thin Wristwatch, appartenuto al Presidente John F. Kennedy

testimonianza dell’altissimo livello di considerazione di cui la maison ha sempre e incessantemente goduto.

Il suo successo è dovuto alle innovazioni tecniche e tecnologiche che Omega ha sempre inventato e introdotto nel settore.

Ma il brand sarà anche protagonista del futuro, come lo è stato nel passato e lo è nel presente.

Sono sue le innovazioni rivoluzionarie che dopo quasi due secoli hanno modificato le basi dell’Orologeria, come ad esempio lo scappamento coassiale, la spirale libera in silicio e la scoperta di nuovi materiali.

Per introdurci nel futuro Omega propone oggi “Grey Side of the Moon”, la faccia grigia della Luna, in omaggio ad un’asserzione degli astronauti di Apollo 8, che definirono la Luna vista per la prima volta nella sua parte nascosta, prevalentemente grigia.

Questo orologio succede al mitico “Dark Side of the Moon”, il primo segnatempo al mondo che si avvale di una cassa in Ossido di Zirconio e Ceramica high-tech, scavata in un unico blocco.

“Grey Side of the Moon” è un vero inno alla Storia perché unisce in un unico suggestivo fil-rouge il passato, il presente e il futuro, e possiede delle caratteristiche tecnologiche inarrivabili.

Non a caso Omega ha sempre figurato in testa alle graduatorie di gradimento in Orologeria, meritando pienamente il consenso da chi non si accontenta di uno Status Symbol, ma vuole che questi sia anche concreto sotto l’aspetto tecnico.

Se altri brand si accontentano di celebrare orologi che raggiungono “Mille Gauss” di resistenza al magnetismo, Omega risponde con un movimento in grado di resisterne ad oltre 15.000, e con questo equipaggerà a breve ogni sua creazione.

Per questo motivo Omega non solo è l’orologio di Kennedy, di molti altri illustri personaggi della Storia, o l’orologio della “Luna”, ma è semplicemente “l’orologio”.

Informazioni sugli orologi Omega si possono avere presso tutte le Boutiques e i Concessionari Ufficiali Omega, e quindi anche da Cannoletta Antica Gioielleria, a Sanremo, Via Matteotti 7, 0184.504440 e info@gioielleriacannoletta.it

 

Continua A Leggere →

Omega De Ville Prestige Butterfly, per signora

Bellezza e concretezza, come la donna di oggi.

 

L’immagine vincente e altamente tecnologica di Omega, non impedisce al prestigioso brand elvetico di produrre timepieces di estremo valore estetico e di indiscussa classe.

L’ultimo esempio in ordine di tempo è rappresentato da Omega De Ville Prestige Butterfly, un orologio che unisce alla cristallina competenza tecnica della maison tutta quello charme e quella delicata immagine che fanno innamorare le signore.

de-ville-butterfly-enchantingNato per essere compenetrato nel sogno di una natura incontaminata ed equilibrata, questo Omega De Ville si presenta con fini e delicati ricami su un quadrante in madreperla che dona brillantezza e luce propria a questo segnatempo che non esiterei a definire una vera composizione artistica.

La visualizzazione delle ore, è dolcemente accompagnata a fregi che richiamano il libero volo delle farfalle in un ambiente che pur senza accennarlo cromaticamente ricorda le verdi valli che si evocano nella nostra ricerca di spensieratezza.

De Ville Butterfly va a costituire un’intera linea, ovvero una mini-collezione all’interno del catalogo De Ville Prestige di Omega, e che provvede a declinare questa proposta secondo i gusti e le preferenze della donna moderna, decisa e volitiva, ma che conserva quel suo patrimonio di sensibilità e femminilità che la rende indispensabile e desiderabile.

La cassa può essere in oro giallo o bianco, ma è sempre garantita la presenza dei diamanti, i migliori amici delle donne, a contorno e anche sul quadrante, fino a formare in alcuni modelli l’immagine delle farfalle.

Anche le dimensioni sono perfettamente allineati con l’immagine femminile più attuale, variando da mm. 32,7 fino a mm. 36,8 proprio per interpretare perfettamente la personalità della fortunata signora che lo indosserà.

Anche il bracciale o il cinturino variano a seconda del gusto, facendo scegliere tra un delicato satin spazzolato e candido come la neve, fino ad un più aggressivo bicolore a maglia squadrata, che regala un’immagine nostalgicamente retrò.

Per la cronaca, quest’ultima versione è stata scelta dall’attrice Nicole Kidman, grande amica e testimonial del brand, la quale non ha esitato a sfoggiarlo nelle sue più recenti e prestigiose apparizioni.

Ma come ogni donna cela dietro alla sua bellezza e sensibilità il forte carattere che la sostiene, così anche Omega De Ville Prestige Butterfly, è animato da un movimento della più recente tecnologia, che si avvale del fantastico calibro Omega 2500 con l’esclusivo scappamento coassiale, che ha rivoluzionato i canoni moderni della perfezione orologiera.

Il calibro Omega 2500 è considerato in Orologeria un vero gioiello, e come tale viene trattato dai tecnici di laboratorio, tanto che le sue finiture headersono rodiate esattamente come il più prestigioso dei monili o dei solitari in oro bianco.

Omega è oggi probabilmente la maison di maggior prestigio “concreto” al mondo, e come tale non è facile trovarne gli esemplari più rappresentativi in vendita on-line.

La politica del brand, inoltre, invita a provare, indossare e scegliere i suoi segnatempo nelle migliori e selezionatissime gioiellerie concessionarie.

Tuttavia, seppur raramente qualche esemplare può essere visionato preventivamente online.

Cannoletta Antica Gioielleria, di Sanremo, offre questo servizio in ottemperanza alle rigide regolamentazioni delle esclusive di vendita selettive, ma maggior informazioni su tutti i modelli del catalogo possono essere chieste gratuitamente al numero 0184.570063 dal martedì al sabato, al quale risponderà un tecnico specializzato e qualificato come Ambassador Omega che fornirà volentieri ogni dettaglio delle collezioni del marchio.

Continua A Leggere →

Omega, quando il successo deriva dalla concretezza

Fissiamo oggi i riflettori del nostro osservatorio su un brand che più di altri si è dimostrato attivo in questo periodo di grandi mutamenti tecnologici e che ha dato addirittura nuovi orizzonti all’Orologeria, attraverso nuove soluzioni che in certi casi hanno sconvolto il settore.

Stiamo parlando, ovviamente, di Omega, che è prepotentemente balzata in testa alle classifiche di gradimento di appassionati e addetti ai lavori, confermando una leadership nel settore che raramente ha subito cali nel corso della sua lunga Storia.

Il favoloso Omega Seamaster > 15.000 Gauss

Il favoloso Omega Seamaster > 15.000 Gauss

Omega, infatti, oltre ad essere uno dei marchi storici della tradizione orologiera mondiale, è anche attualmente la maison che offre la più ampia gamma di modelli e di calibri di manifattura caratterizzati da peculiarità geniali.

Il pensiero corre immediatamente allo scappamento coassiale, che di fatto ha rivoluzionato le basi del “sistema-orologio”, dopo ben due secoli, ovvero da quando si è passati dal cilindro allo scappamento ad àncora.

Ricordiamo inoltre la spirale libera in silicio, la quale, in virtù delle sue caratteristiche non ha più bisogno della racchetta per raggiungere la perfezione e la costanza di oscillazione, e lascia alle compensazioni di peso del volantino questo problema, con il risultato di una regolarità mai raggiunta prima d’ora e che sarà molto difficile superare, in quanto ravvicinata ai limiti propri della Fisica.

Di recente poi, Omega si è tolta lo sfizio di surclassare un marchio concorrente che va anc’esso per la maggiore, sul terreno della lotta al magnetismo incombente.

Ci riferiamo al confronto tra il Milgauss di Rolex e il > 15.000 Gauss di Omega.

Quest’ultimo, oltre a spostare della percentuale del 1.500% il limite di resistenza al magnetismo, si fregia di essere il solo orologio super-antimagnetico con data, in quanto no ha bisogno di una schermatura esterna per resistere agli effetti dannosi di un campo magnetico, in quanto costruito esso stesso con materiale resitente per peculiarità. Prima volta al mondo.

D’altra parte, Omega ai record del mondo è più che abituata, avendo per vocazione l’esplorazione e lo spirito pionieristico.

Si spiega con questa predisposizione l’abbinamento del brand con le maggiori espressioni delle scoperte avveniristiche.

Attualmente la maison è impegnata nel progetto “Solar-Impulse”, che porterà per la prima volta un aereo a compiere il giro del globo alimentato unicamente ad energia solare.

Naturalmente Omega sfrutta queste ricerche per arricchire il proprio catalogo, e per fare in modo che tutti i suoi orologi escano dalla maison per dirigersi presso i laboratori C.O.S.C. i quali certificano affidabilità e precisione di ogni singolo orologio.

Ma la tradizione vuole che un unico modello non venga certificato. Si tratta di un orologio che ha subito controlli ben più severi e selettivi: il “Moon-Watch”.

Questo Speedmaster, come tutti sappiamo, è stato selezionato negli anni ’60, non per sponsorizzare ma per far parte come strumento del progetto spaziale americano Apollo, che portò per la prima volta l’uomo sulla Luna.

Non tutti però sanno che il primo orologio che veramente approdò sul suolo lunare, non fu come ci si potrebbe aspettare quello al polso di Neil Armstrong, ma l’Omega di Buzz Aldrin.

Avvenne che durante il viaggio di andata verso il nostro satellite naturale, l’orologio ufficiale di bordo della navicella Apollo XI si guastò (non era un Omega!). Fu quindi adottato come orologio ufficiale in cabina l’Omega Speedmaster da polso di Armstrong, che rimase quindi insieme a Collins a circumnavigare la Luna, ma non vi atterrò mai.

Di questi aneddoti storici, Omega ne è piena, non solo in campo scientifico, ma anche in quello sportivo, nel quale è stata ed è attualmente Cronometrista Ufficiale dei Giochi Olimpici, riconoscimento indiscusso alla competenza tecnica e alla perfezione dei suoi prodotti.

Le collezioni attraverso le quali Omega, diciamo così, “afferma la propria supremazia nel settore sono: Speedmaster, Seamaster, Constellation, De Ville, senza dimenticare le Specialities, che contengono esemplari spesso in serie numerata e limitatissima, con peculiarità di ultra-eccellenza.

La differenza tra Omega e altri suoi competitor, è che questa maison non è solo ed esclusivamente uno status-symbol, ma assoluta concretezza.

Con questi presupposti, non ci si deve stupire del largo successo di questo brand, a livello mondiale e in ogni singolo mercato: non è certo un caso!

Continua A Leggere →

Omega, “monopolio” Olimpico

Una partnership che dura da 82 anni!

 

La presenza di Omega alle Olimpiadi è ormai divenuta una costante.

Il grande marchio svizzero, infatti, è stato chiamato anche a Sochi per le Olimpiadi Invernali 2014, a proseguire una tradizione ormai consolidata.

La riedizione del cronografo Omega adottato per le Olimpiadi di Los Angeles 1932

La riedizione del cronografo Omega adottato per le Olimpiadi di Los Angeles 1932

La Storia del Cronometraggio inizia per Omega nel lontano 1905, quando la maison fu interpellata per i primi cronometraggi ufficiali sportivi.

Quell’anno, i cronografi del marchio furono impegnati in Svizzera e all’estero in ben 16 eventi sportivi.

Ma è nel 1932, con le Olimpiadi di Los Angeles, che inizia l’idillio con la manifestazione sportiva più importante di tutta la Storia dell’Umanità.

In quell’occasione furono impiegati 30 cronografi calibro 53.7 CHRO R 1/10, i quali celebrarono i termini di ben 17 record mondiali.

La rilevazione a 1/10 di secondo era per quei tempi assolutamente avveniristica e con essa poteva competere solo la tecnologi “Chrocinema” che non poteva però essere impiegata sul campo.

L’elenco completo delle Olimpiadi cronometrate da Omega è nutritissimo:

1932 – Ls Angeles (Estive)

1936 – Garmish-Partenkirchen (Invernali) e Berlino (Estive)

1948 – St. Moritz (Invernali) e Londra (Estive)

1952 – Helsinki (Estive)

1956 – Cortina d’Ampezzo (Invernali) e Melbourne (Estive)

1960 – Roma (Estive)

1964 – Innsbruck (Invernali)

1968 – Grenoble (Invernali) e Città del Messico (Estive)

1976 – Innsbruck (Invernali) e Montreal (Estive)

1980 – Lake Placid (Invernali) e Mosca (Estive)

1984 – Sarajevo (Invernali) e Los Angeles (Estive)

1988 – Calgary (Invernali) e Seoul (Estive)

1992 – Albertville (Invernali)

2006 – Torino (Invernali)

2008 – Pechino (Estive)

2010 – Vancouver (Invernali)

2012 – Londra (Estive)

2014 – Sochi (Invernali)

La tradizione proseguirà almeno fino al 2018, ovvero fino a quando, al momento, sono state assegnate ufficialmente le Olimpiadi ai Paesi organizzatori.

Avremo quindi il cronometraggio Omega anche alle prossime Olimpiadi Estive di Rio de Janeiro 2016 e a quelle Invernali di Pyeong Chang 2018.

Si tratta di una testimonianza inequivocabile circa l’affidabilità e la qualità della tecnica di Omega, che si sta affermando sempre più come leader del mercato dell’Orologeria.

In campo sportivo, poi, la maison pare proprio non avere rivali.

Presente al vertice delle classifiche di gradimento, Omega, con le sue Collezioni Speedmaster e Seamaster si è aggiudicata i primi due posti anche nelle classifiche di vendita del 2013, lasciando alle sue spalle collezioni prestigiose di altri competitor che si consideravano irragiungibili solo fino a qualche anno orsono.

Sicuramente un impulso decisivo al successo di Omega è stato dato dall’assunzione della tecnologia coassiale, nonché dalla scoperta della spirale libera in silicio, recentemente richiesta a Omega nientemeno che da Patek Philippe, la quale ha ottenuto il permesso di adottarla per un paio dei suoi calibri.

Si tratta quindi di un’ascesa che pare inarrestabile, e che è destinata a crescere nel prossimo futuro in virtù dell’adozione dei calibri di manifattura antimagnetici fino a > 15.000 Gauss, con i quali il brand ha inferto un altro colpo mortale alla concorrenza diretta.

Godiamoci quindi le Olimpiadi con serenità, e con la massima sicurezza riguardo ai riscontri cronografici, i quali, come abbiamo visto, sono posti nelle mani più sicure in assoluto.

Cannoletta Antica Gioielleria, Esclusivista Omega per la zona di Sanremo, in Via Matteotti 7.

 

 

 

Continua A Leggere →

Omega: dalla Luna al Sole

Il progetto di Omega trascende dalla semplice compezione per la prevalenza sul mercato, la quale viene ovviamente e attentamente inseguita con tutti i progressi e gli eclatanti risultati ottenuti, tanto da divenire ormai prossima.

Omega Speedmaster Solar Impulse in serie numerata

Omega Speedmaster Solar Impulse in serie numerata

Gli sforzi del prestigioso brand fondato da Louis Brandt sono rivolti a tutto quanto possa affermare la creatività e la genialità dell’Uomo.

Non a caso Omega è stata scelta dalla Nasa quale strumento tecnico per le sue missioni spaziali che hanno portato alla conquista della Luna.

Attualmente Omega sostiene il fantastico progetto Solar Impulse, che ha varato il primo aereo a propulsione solare.

Si tratta ancora una volta di un campo pionieristico nel quale la maison di La Chaux de Fonds si è gettata con generosità e che è sovrapponibile come DNA a quello della casa orologiera, sempre pronta a innovazioni e miglioramenti anche e soprattutto rivoluzionari (coassiale docet).

Per celebrare la propria partecipazione al progetto, Omega ha prodotto un orologio inserito nella prestigiosa Collezione Speedmaster, la stessa del celebratissimo e ambitissimo “Moon Watch”, che dal progetto in questione trae anche il nome: Solar Impulse.

A catalogo, questo suggestivo segnatempo è inserito con la referenza 321.90.44.52.01.001, e presenta caratteristiche molto tecnologiche soprattutto in riferimento ai materiali impiegati.

Continua A Leggere →

La soddisfazione di investire in Omega

In questo momento, che passerà certamente alla Storia come un periodo non troppo brillante sotto l’aspetto finanziario, c’è anche chi gongola, confortato dall’investimento effettuato non più tardi che 4 anni orsono.

Mi riferisco ai fortunati 69 collezionisti che hanno accolto l’invito all’acquisto dell’orologio Omega Apollo XI Limited Edition 40th Anniversary in platino prodotto in soli 69 esemplari.

Ebbene è notizia di questi giorni la vendita effettuata dalla nota casa d’aste Christie’s al prezzo record di €. 47.588,00 a fronte di una quotazione (e previsione) di €. 14.580,00/21.060,00.

Omega Apollo XI Limited Edition 40th Anniversary in platino

Omega Apollo XI Limited Edition 40th Anniversary in platino

La notizia la dice lunga su quella che è attualmente la tendenza del Collezionismo dell’Alta Orologeria, in un settore che non risente di condizionamento alcuno, se quello del libero mercato, perchè formato da agenti assolutamente competenti e molto oculati e tecnici nella scelta.

Omega in effetti, dopo aver avvicinato sensibilmente Rolex tanto da arrivare secondo le ultime stime ad insediarne una leadership finora incontrastata, si sta affermando anche sulla scena del secondo polso, raggiungendo quotazioni tali da far pensare ad un investimento sicuro e tranquillo per ogni elemento del suo catalogo.

Fatte le debite proporzioni legate al valore stesso d’acquisto, esistono sul mercato alcuni esemplari che possono solleticare i palati più esigenti, come ad esempio il modello commerativo in acciaio della missione Apollo XVII, a catalogo con la referenza 311.30.42.30.99.002, del qale avevamo già parlato in un recente articolo, che si può acquisire, quando si ha la fortuna di individuarlo, addirittura nuovo, e quindi direttamente dai pochi concessionari che ne detengono ancora un esemplare, a prezzo di listino, e che si appresta a raggiungere un livello elevato a livello collezionistico.

Continua A Leggere →

Assistenza dei marchi di Swatch Group

Swatch Group, come risaputo, è il più importante gruppo di distribuzione orologiera esistente al mondo.

Il suo sistema di assistenza tecnica è sicuramente uno dei più seri ed apprezzati non solo nel settore orologiero, ma nell’intero panorama della distribuzione mondiale.

cronocE’ opportuno quindi divulgare i pricipi fondamentali a cui il gruppo si attiene per garantire l’assistenza post-vendita, con o fuori garanzia, anche per evitare freintendimenti che correrebbero il rischio di vanificare questo sforzo sostanziale e di immagine nel quale Swatch Group è impeganato.

Prima di tutto vediamo nello specifico un breve “Chi è” di questa enorme azienda.

Nato dalla genialità e intraprendenza di Nicholas Hayek, e attualmente saldamente in mano alla famiglia, il gruppo, dapprima nato come SMH ha successivamente cambiato denominazione nell’attuale, forse in omaggio al più grande successo commerciale dell’industria svizzera negli ultimi due secoli: l’orologio Swatch.

Il colosso elvetico è al momento proprietario di una grande quantità di marchi tra i più prestigiosi e ambiti del mercato e precisamente:

Breguet, Harry Winston, Blancpain, Glashutte Original, Jaquet Droz, Leon Hatot, Tiffany & Co., Omega, nel settore Lusso;

Longines, Rado, Union Glashutte, nel segmento di Alta Gamma;

Tissot, Balmain, Certina, Mido, Hamilton, Calvin Klein Watches, nel segmento medio di gamma;

Swatch e Flik Flak nella gamma di base.

Continua A Leggere →

Derby Orologiero all’America’s Cup?

Da come si stanno mettendo le cose, purtroppo per la “nostra” Luna Rossa, si profila un “derby” dell’Orologeria tra le onde dell’America’s Cup 2013.

Tag Heuer Aquaracer 500m. Oracle Team USA

Tag Heuer Aquaracer 500m. Oracle Team USA

Il Defender, Oracle, che sta attendendo di conoscere lo sfidante ufficiale, che sarà designato dalla Louis Vuitton Cup, del cui entourage tecnico fa parte Tag-Heuer, avrà probabilmente a che fare con l’agguerrito team neo-zelandese Emirate, assistito tecnicamente anche da Omega.

I due brand orologieri sono tra i più dinamici del panorama mondiale, ma le loro performance non si fermano certo ad una mera presenza di marketing.

Sia Omega che Tag-Heuer sono seriamente impegnate nel difficile e delicato campo del cronometraggio sportivo ai massimi linvelli.

Tag-Heuer, per esempio, oltre a vantare un passato glorioso in materia, attualmente è il main sponsor, nonchè cronometrista ufficiale del Gran Prewmio di Monaco di Formula 1, mentre Omega si accinge nel 2014 a enumerare la sua 25.a designazione quale cronometrista ufficiale dei Giochi Olimpici.

Non a caso  quelli che si stanno affermando come i p due più prestigiosi team velistici, impegnati nella più difficile e complessa manifestazione, si sono accaparrati i servigi di queste maison.

Per l’occasione entrambi i marchi hanno varato un orologio rappresentativo dell’evento.

Omega ha creato ETNZ Limited Edition, un segnatempo che assolve tra gli altri, anche i compiti specifici di contatore da regata, e il cui acronimo significa Emirate Team New Zealand. Questo bellissimo cronografo a tre contatori, è equipaggiato dal calibro Omega 3330, con scappamento coassiale e spirale in silicio.

Il look è ovviamente ispirato ai colori della forte compagine neo-zelandese, il rosso e il nero, accostati in modo magistrale e molto elegante, pur

Omega ETNZ Limited Edition

Omega ETNZ Limited Edition

nell’essenza sportiva del modello.

Omega ETZN Limited Edition è stato prodotto in soli 2013 esemplari a tiratura limitata e rigorosamente numerata. Come tutti gli Omega, anche questo pezzo da collezione è accompagnato da certificato C.O.S.C. che ne sancisce la perfezione.

Riguardo a Tag-Heuer, possiamo saziare la nostra voluttà orologiera osservando il bellissimo Oracle Team USA Aquaracer 500m. già presentato in occasione delle World Serie’s di America’s Cup disputate sul suggestivo specchio d’acqua di Venezia.

Si tratta di un orologio dal pieno look velistico, con il contatore per la partenza ben evidenziato attraverso le 5 finestrelle sul quadrante che assumono colori diversi.

Il calibro utilizzato è il Tag-Heuer 72, mentre l’orologio è stato “catalogato” con la referenza CAK211B.FT 8019.

Da notare la presenza della valvola d’elio in entrambi gli orologi, ovviamente subacquei professionali, identicamente posizionata a 0re “10″.

Anche i fondelli sono stati naturalmente personalizzati con i simboli dei rispettivi team.

Gli appassionati di Orologeria avranno ora un motivo in più per seguire le finali dell’America’s Cup, anche se per l’Italiana Luna Rossa, la speranza è l’ultima a morire.

Sia Omega ETNZ Limited Edition che Tag-Heuer Aquaracer Oracle Team USA sono disponibili presso Cannoletta Antica Gioielleria, e ulteriori informazioni possono essere richieste al numero 0184.570063, oppure via email a info@gioielleriacannoletta.it

Continua A Leggere →

Omega, innovazione e rivoluzione

Tra tutti i brand orologieri, Omega è certamente quello che maggiormente sta caratterizzando il settore dell’Alto di Gamma in questo particolare

Omega Speedmaster Apollo XVII, esemplare n° 299 su 1972

Omega Speedmaster Apollo XVII, esemplare n° 299 su 1972

momento storico.

Le innovazioni introdotte dal brand, hanno il carattere di vere rivoluzioni, per un settore che, pur affondando profondamente le radici nell’essenza tecnologica, rischiava di restare statico.

Se ci pensiamo bene, inoltre, questa vocazione a provocare “terremoti” tecnologici, Omega l’ha sempre avuta.

Già al suo esordio, nel 1848, il fondatore Louis Brandt, ha impostato l’azienda sulla ricerca del massimo della qualità, tanto che, dopo alcuni anni di studio, nel 1894, venne creato il movimento Omega, da cui successivamente il brand ha attinto il suo nome.

Omega è quindi l’unica maison con un’origine “nobile”, tanto da derivare la sua nominazione dal meccanismo creato già a quei tempi per essere un esemplare definitivo in affidabilità e perfezione, da cui l’assunzione dell’ultima lettera dell’alfabeto greco, sinonimo di conclusione di un ipotetico viaggio di ricerca.

Nel 1932, Omega viene chiamata a cronometrare i Giochi Olimpici di Los Angeles, proprio negli Stati Uniti, patria incontrastata della tecnologia futuribile.

Contemporaneamente, la maison lancia il primo orologio subacqueo della Storia: Omega Marine.

Continua A Leggere →

Omega “bracca” Rolex

Omega "Moon Watch", l'unico sulla Luna!

Omega “Moon Watch”, l’unico sulla Luna!

Le cose cambiano!

E questo assioma è tanto più valido nei settori dove la tecnologia e la ricerca tecnica la fanno da padrone, come appunto in Orologeria.

Le ultime indicazioni statistiche sono per certi versi sconvolgenti, se si fa riferimento alla tradizione, parametro che in Orologeria ha sempre rivestito un carattere preminente.

E’ stata confermata la leadership mondiale del binomio Rolex-Omega, che costituiscono da sole una gran fetta del mercato dell’Alto di Gamma.

Queste due maison sono ormai la rappresentazione concreta dell’immagine orologiera nel mondo e si suddividono il primato nelle varie zone del pianeta.

Rolex è sempre al primo posto, ma Omega non è mai stata così vicina a concretizzare un sorpasso che sarebbe epocale.

Solo l’1,69% infatti divide i due colossi che occupano rispettivamente il 18,66% e il 16,97% delle vendite mondiali.

Ben distanziate Cartier (7,11%), Tag-Heuer (5,25%) e Longines (5,17%), che presidiano la terza, quarta e quinta posizione.

Omega mette quindi la freccia del sorpasso, sull’onda di una rincorsa che non ha visto stasi, e che negli ultimi 5 anni ha visto ridursi del 300% il distacco da Rolex.

La spiegazione risiede sicuramente nel nuovo e moderno modo di concepire la filosofia orologiera. Ai nostri giorni, infatti, il prestigio deve essere supportato da nuove acquisizioni tecniche e confermato ogni giorno, assumendo un dinamismo senza tregua e sviluppando le nuove tecnologie in modo concreto e razionale.

Continua A Leggere →
Orologicamente.it è un progetto di Cannoletta Antica Gioielleria 01589530086 & Limbiati Orologeria Sesto Calende ( VA ) P.IVA 01816590127
Top