Hamilton H32695131, la nuova generazione del GMT

Una delle prerogative che rendono particolare il brand Hamilton è la sua capacità di interpretare in modo efficace secondo il nuovo trend del gusto, tutte le espressioni dell’Orologeria, finanche le più classiche.

Hamilton Jazzmaster H32695131, superba interpretazione delle Ore del Mondo

Hamilton Jazzmaster H32695131, superba interpretazione delle Ore del Mondo

Questa è la considerazione che nasce spontanea osservando il modello H32695131, un GMT di nuovissima generazioni, che affonda le radici in una delle realizzazioni più classiche dell’Alta Orologeria, ovvero l’indicazione dei fusi orari.

Questa referenza, che si propone come un “semi-ore del mondo” si avvale di un rehaut girevole comandato dalla corona esterna posta in corrispondenza di ore “9.30″, e di una lancetta centrale su 24 ore, e che quindi è in grado di svolgere anche la funzione di bussola di orientamento.

L’interpretazione, in equilibrio perfetto tra innovazione e tradizione, e tra sportivo e compìto, e quella delle grandi occasioni, con una doppia ghiera, l’una bianca e l’altra nera, ad indicare le località classiche titolari dei rispettivi fusi, come nel grande esempio di Patek Philippe, Girard Perregaux ed altri illustri interpreti.

Il resto dell’estetica si fonda su una ricerca quasi maniacale del gusto, che riesce a rendere assolutamente l’idea, e si forgia anche in funzione dell’immaginazione di chi lo indossa.

Non è distante, questo Hamilton H32695131, dall’immagine di grande eleganza di uno sportivo di classe, e in virtù dei colori anche vicino al sub. Ma nello stesso tempo lo possiamo “vivere” come grande classico, in cui il cinturino d’acciaio, togliendo posto a quello in cuoio, svia alquanto ma non riesce a soffocarne l’immagine di fondo.

E proprio in relazione alla possibilità di cambiare il bracciale sta la grande capacità di trasformismo di questo modello, in grado assolutamente di essere sportivo spinto, ma anche elegante convinto, non a caso inserito nell’prestigiosa Collezione Jazzmaster.

Una menzione particolare merita la scelta di rendere visibile il movimento, molto ben rifinito e lavorato, a partire dalla massa oscillante, ma anche per la chiara visione della cura adottata per la rifinitura di ogni particolare.

Questa osservazione richiama l’aspetto tecnico, molto ben curato. Hamilton H32695131 si avvale di un meccanismo costruito in-house in ambito del gruppo proprietario sia del brand che della fabbrica ETA, ovvero il colosso elvetico Swatch Group, leader mondiale nel settore.

L’automatico di tipo a carica a rotazione completa in entrambi i sensi, si avvale del sistema degli invertitori, ovvero un treno complesso a frizione che trasmette la carica traendola dal movimento della massa oscillante qualunque sia la sua direzione.

Il movimento di base si vede sovrapposto dal blocco di calendario, posizionato con finestrella a ore “6″, e del ruotismo dedicato alla lancetta rossa GMT centrale, che come già detto “viaggia” su 24 ore, nella più sofisticata ma classica delle indicazioni di questa funzione.

Un richiamo infine all’annunciata funzione di lettura della bussola.

In tutti i sistemi GMT a lancetta centrale su 24 ore, sincronizzandola con l’orario locale e puntandola nella direzione del sole, la lancetta dell’orologio “normale” segnerà la posizione del Nord.

In definitiva siamo di fronte ad un’interpretazione notevole di un classico di settore, con un movimento di grande prestigio ed enorme affidabilità, e tutto ciò fa pensare al progetto di fondo di Swatch Group, che ha pensato ad un futuro imminentissimo di grande prestigio per Hamilton, ormai espressamente destinato a divenire lo spartiacque tra l’Alto di Gamma e la fascia del Lusso, in virtù del grande credito maturato in qualità attraverso tutta la sua Storia che trae origine alla fine dell’800.

Hamilton, l’Alta Tradizione che diviene Attualità.