Orologi Citizen

La storia del Brand Citizen

Shinpei Goto, il Sindaco di Tokio che tenne a battesimo Citizen

Shinpei Goto, il Sindaco di Tokio che tenne a battesimo Citizen

Citizen nasce nel 1924 con la presentazione di un orologio da tasca sviluppato all’interno dell’Istituto di Ricerca Shokosha di Tokyo.
Il nome al brand fu attribuito addirittura dal Sindaco di Tokyo, Shinpei Goto, il quale formulò un discorso all’interno del quale auspicò che un giorno tutti i cittadini (da cui il nome “citizen”) potessero possedere un tale strumento.

Nacque quindi sotto questo messaggio augurale il brand giapponese attualmente più celebrato del mondo, il quale ha assunto dalle parole di Goto la propria mission.
La Storia di Citizen è infatti costellata di primati e di Record del Mondo.

Nel 1931, risultato di un primo impegno di miniaturizzazione della tecnologia orologiera sviluppata in Giappone, Citizen propone il suo primo orologio da polso, il quale non manca di riscuotere un successo incredibile.
Superato il tragico periodo della Seconda Guerra Mondiale, le officine di Citizen riprendono faticosamente ma alacremente il loro lavoro, e già nel 1956 si ha una prima prima realizzazione eccezionale.

Preceduto dal lancio da un elicottero in volo, viene presentato al mondo il primo orologio di sistema anti-urto “Parashock”.

Nel 1958 arriva un primo Record Nazionale. Nasce infatti il primo orologio giapponese dotato di sveglia.

Nel 1959 gli fa seguito “Parawater”, primo orologio subacqueo giapponese.

Proprio Parawater fu protagonista di un’impresa che all’epoca fece scalpore in tutto il pianeta, ponendo Citizen prepotentemente all’attenzione degli addetti ai lavoro e degli appassionati del settore.

Nel 1963 una serie di Parawater furono legati ad alcune boe fissate alla chiglia di una nave che attraversò il Pacifico fino ad approdare sulle coste degli Stati Uniti d’America. Una volta recuperati, tutti gli orologi si dimostrarono in eccellenti condizioni di conservazione e di precisione.

Il test sconvolse per la prima volta il mercato orologiero, ponendo prepotentemente all’attezione del mondo l’opzione dell’Orologeria Giapponese.

Nel 1965 giunge il primo Record Mondiale ottenuto da Citizen. Esce dalle officine di Tokyo quello che all’epoca fu l’orologio con datario più piatto del mondo, dello spessore complessivo di mm. 4,48.
Con un intuito eccezionale, il marchio si concentrò allora sull’elettronica e sulla produzione di avveniristici segnatempo da polso, ponendo Citizen in netto vantaggio rispetto a tutti gli altri competitor, non solo nazionali, ma anche internazionali, nella realizzazione dei nuovi gioielli di tecnologia.
Iniziano parallelamente gli studi sull’energia solare, che porteranno già nel 1976 alla realizzazione del prototipo del primo orologio alimentato da energica pulita.

Nel 1978 Citizen consegue un ulteriore Primato Mondiale, ancora grazie alla miniaturizzazione: nasce il primo orologio il cui spessore complessivo è inferiore al millimetro!
Non paga di ciò, Citizen presenta due anni più tardi, nel 1980, l’orologio di dimensioni globali più ridotte al mondo, le cui misure espresse in millimetri erano di 9 x 7 x 2.

Il 1985 vede invece la presentazione di una vera e propria miles-stone dell’Orologeria Mondiale. Viene prodotto il primo Aqualand, passato alla storia dell’orologeria subacquea, il quale non ha ancora visto il tramonto, acclamato e ricercato a gran voce soprattutto dai subacquei professionisti, i quali già in un’occasione ne hanno impedito con le loro richieste la cancellazione dal catalogo.
Aqualand 1 fu il primo orologio al mondo dotato di sensore elettronico per la misurazione della profondità di immersione. Ancora oggi, con le debite migliorie tecnologiche è ancora fieramente un best-seller del catalogo Citizen.

Nel 1989 viene proposto il primo orologio professionale dotato di altimetro, il cui successore è stato per una ri-edizione prevista nel 2014.

Il 1994 è invece l’anno in cui vede la luce Hyper-Aqualand, il primo orologio subacqueo con profondimetro interfacciabile al computer per lo scarico, la conservazione e l’elaborazione dei dati di immersione.
L’anno successivo esplode letteralmente il fenomeno Eco-Drive. La campagna di Citizen, al grido di uno slogan estremamente convincente (“Mai più cambio pila!”), irrompono sul mercato gli orologi a energia luminosa. Questo sistema proprietario di Citizen ha in effetti sbaragliato il campo della concorrenza, essendo frutto di uno studio allora ventennale, con la predisposizione di circuiti e celle ad altissima tecnologia, in grado di interpretare al meglio la cattura e l’utilizzo di qualsiasi fonte luminosa, sia essa solare o artificiale.

Lo studio di moduli, circuiti e meccanismi a bassissimo consumo, fanno si che oggi sia sufficiente l’esposizione di un Citizen Eco-Drive alla luce per soli due minuti, per caricare l’accumulatore per ben 6 mesi di marcia dell’orologio al buio!
Citizen cercò anche altre soluzioni ad energia alternativa, ricordiamo Eco-Drive Duo, che univa l’energia luminosa all’energia cinetica di un rotore, oppure Eco-Drive Thermo, che sfruttava la differenza termica tra l’interno e l’esterno dell’orologio. Tuttavia tutte queste tecnologie, seppure confermate nella loro efficienza hanno dovuto cedere il passo alla perfezione e alla grande affidabilità di Eco-Drive, il quale equipaggia oggi tutti gli orologi marchiati Citizen.

Nel frattempo, conscia della sua mission, Citizen ha saggiamente operato anche in campo strategico.
Oggi il colosso Giapponese è proprietario di numerose fabbriche di componenti di orologi, tra cui spicca una casa produttrice di lancette che serve molti tra i nomi nobili e altisonanti dell’Orologeria Svizzera. Citizen è anche proprietaria di Bulova e di Bulova Accutron, le quali seguono autonomamente le proprie strategie, come quella che vede Accutron equipaggiarsi esclusivamente di movimenti Swiss-Made.
Recentemente la maison ha acquisito la proprietà di Perrelet, una delle più significative manifatture elvetiche di movimenti.
Non bisogna dimenticare Vagary, marchio acquisito dal gruppo Veglia-Borletti, il quale riveste un’importanza fondamentale nel progetto di Citizen, costituendone l’entry-level, con orologi al quarzo di altissima qualità, con alimentazione a batteria, proposti ad un prezzo eccezionalmente conveniente e perfettamente integrati nel circuito di produzione e di assistenza proprietario di Citizen.

Il resto è storia gloriosa e recente.
Citizen è attualmente regina del mercato relativamente agli orologi ad altissima precisione, grazie ai suoi Radio-Controllati, la cui durabilità ed affidabilità sono ormai conclamate.
Questi orologi ricevono un segnale regolatore da alcune emittenti radio disseminate in diversi continenti, e si allineano automaticamente all’ora esatta dell’orologio atomico che attualmente detta l’ora ufficiale mondiale.
Recentemente Citizen è andata anche oltre, oltrepassando i confini del Pianeta, e collegando i propri orologi con i satelliti in orbita attorno alla Terra.
Chi non si accontenta del segnale inviato via radio, con il nuovo sistema proprietario Citizen Satellite Wave, può dotarsi addirittura di un orologio Satellitare.

Nel 2011 Citizen infrange infatti un ulteriore Record, presentando alla Fiera di Basilea il primo orologio satellitare della Storia dell’Orologeria.
Le pagine della Storia di Citizen sono sempre aperte, pronte ad accogliere in qualsiasi momento nuovi importanti aggiornamenti e primati.

Service

Citizen ha molto a cuore l’assistenza e il servizio post-vendita, tanto da dedicare alla sezione un manager specifico nella persona del Dr. Renato Diletto, il quale, oltre ad occuparsi della logistica, coordina le attività del Customer Care.
La rete di assistenza di Citizen è in continua evoluzione per i numerosi e severissimi adeguamenti agli standard che la maison pretende dai propri tecnici.

La scelta del Centro Assistenza più vicino può essere effettuata in questa pagina.

Ogni Centro Assistenza Ufficiale Citizen ha competenza nazionale, per cui il proprietario dell’orologio può rivolgersi a sua scelta ad uno qualsiasi dei Centri autorizzati.

Tutti i Centri Assistenza hanno tecnici che sono stati appositamente addestrati presso il laboratorio centrale di Citizen Italia e detengono macchinari e strumenti anche specifici per ottemperare a tutte le operazioni di assistenza.
Citizen ha inoltre prodotto direttamente alcune strumentazioni, quale ad esempio una specifica attrezzatura per il controllo dell’impermeabilità, e pretende dai Centri Assistenza l’utilizzo di speciali apparecchiature che esulano dai normali e comuni strumenti in dotazione agli orologiai.
Ne è un esempio la specifica strumentazione relativa al controllo e alla riparazione dei moduli radio-controllati.

Assistenza completa, con la fornitura e il campionario completo di ogni ricambio, cinturini, ecc., si può anche avere presso:

TECHNOWATCH s.a.s.
Centro Assistenza Ufficiale Citizen e Vagary
Piazza Nota, 4
18038 – Sanremo (IM)
tel.: 0184.503268
email: info@technowatch.it

Link Utili

Notizie, informazioni, curiosità, video, riguardanti i migliori Orologi Timex.
Notizie, informazioni, curiosità, video, riguardanti i migliori Orologi Timex.

Orologicamente.it è un progetto di Cannoletta Antica Gioielleria 01589530086 & Limbiati Orologeria Sesto Calende ( VA ) P.IVA 01816590127
Top