Un Impresa No Limits in Graziella.

Non sappiamo se fare il Giro del Lago Maggiore in Graziella sia una Impresa No Limits ma di certo è una iniziativa carica di ironia.

Questa è stata portata a termine da Mario Pistocchini, giovane studente e lettore di Varese News (un testata on-line del Varesotto) insieme alla Sua mitica bici Graziella.

Possiamo anche definirlo “un Brumotti d’Acqua Dolce” vista la passione di Mario per le bike e ricordando il ruolo di Ambasciatore di Simone Brumotti per Sector Orologi.

la Tappa a Sesto Calende

la Tappa a Sesto Calende

Preferiamo raffiguralo in una foto che segna il passaggio dalla ns.Città, all’ombra del Ponte di Sesto Calende che unisce le sponda Lombarda a quella Piemontese : una sosta significativa per un tour che tocca le rive delle 2 regioni.

Profuma di favola questa storia che Mario, di Germignaga a pochi chilometri dalla più famosa Luino, ha lui stesso raccontato : “Dalla discarica al Tour del Lago: la seconda vita della mia Graziella

160 chilometri, percorsi questa Estate, pedalando su una Graziella dalle inequivocabili Tinte, blu e gialla, e, per non sembrare un pazzo vestito come un ciclista serio, con un cartello apposto sul retro della bici con scritto “Giro del Lago in Graziella“.
Una standing ovation : i complimenti dei ciclisti con bici più serie, i pollici alzati di mani di autisti che spuntavano dai finestrini e l’incredulità generale delle numerose persone incontrate sulla strada.

Per LimbiatiOrologeria.it, il Papà delle T-Shirt “I Love Sesto Calende”, la fuga solitaria di Mario sul sellino della Sua Graziella è inequivocabile Dichiarazione d’Amore per il Suo Lago, il Maggiore.

Ma per Voi il Giro del Lago Maggiore in Graziella può essere una impresa No Limits : a Voi la parola?