Uno, nessuno … seimila

La vincente Collezione Carrera, non comprende solo il “Tachymetre”, il “Gran Date” o il nuovo “1887″.

Uno dei prodotti più significativi di questa linea è il “Calibro 1″.

Originariamente utilizzato per gli orologi da tasca Heuer, questo meccanismo a carica manuale, costituisce una proposta dirompente per il mercato.

Adattato perfettamente in una cassa che lo presenta in versione da polso, mette in mostra tutte le sue caratteristiche, proprie di un mondo dell’Orologeria che le nuove logiche asettiche di mercato tendono a dimenticare.

Il meccanismo, con ponti finemente cesellati a “clous de Paris” riportano la mente alla grande Orologeria della Belle Epoque.

Così come le viti bluettate che fanno bella mostra di loro attraverso il vetro zaffiro che sostituisce il fondello.

Quest’ultimo presenta in metallo esclusivamente il perimetro esterno, sul quale sono applicate le 8 viti di fissaggio.

Anche la sezione interna del quadrante è decorata a “clous de Paris”, mentre lungo tutto l’arco sono indicati con caratteri eleganti e piccoli i minuti.

Il conteggio dei secondi avviene tramite una lancetta bicolore bianca e rossa, i cui dati corrispondenti sono posti a semicerchio in un “demi-compteur” collocato a ore “6″.

Il “Calibro 1″ viene presentato con cinturino in caucciù nero, con le “clous de Paris” nella parte centrale e chiusura deployante.

Nella confezione troviamo un cinturino in rettile per rendere immediatamente elegante l’orologio, che col caucciù parrebbe sportivo. In dotazione anche lo strumento per il cambio del cinturino.

Naturalmente anche il vetro anteriore è in zaffiro.

La produzione è rigorosamente limitata e numerata, constando di soli 6.000 pezzi in tutto il mondo.

In Italia ne sono presenti pochi esemplari: il titolo scomoda Pirandello, per significare che quest’orologio è 1, come il suo calibro, 6.000 come il numero di esemplari prodotti … ma si corre il rischio, a breve, di trovarne … nessuno.