Concept-Watch, Ricerca e Filosofia

Tag-Heuer è sicuramente uno dei brand più dedicati in questo momento, alla ricerca e allo sviluppo, tanto da far divenire il proprio impegno una vera vocazione, quasi una filosofia aziendale.

Una grande parte degli sforzi e delle capacità economiche della maison vengono impiegate allo scopo, con risultati che hanno dello strabiliante.

Il mondo dell’Orologeria è ancora colpito dall’annuncio del Monaco V4, il primo orologio con trasmissione a cinghie della storia, per il quale sono stati impiegati i migliori e più moderni materiali di cui l’uomo dispone.

Ma l’obiettivo ambizioso e dichiarato da parte di Jean Christophe Babin, geniale Amministratore delegato e CEO di Tag-Heuer, degno successore di Jack Heuer, è quello di rivoluzionare in un imminente futuro i tre punti cardine dell’Orologeria: energia, trasmissione e regolazione.

Abbiamo già visto la proposta relativa alla trasmissione.

Per quanto riguarda l’energia Tag-Heuer ha in serbo una novità ancor più rivoluzionaria.

Uno dei più grandi ed assoluti nemici dell’orologeria meccanica è sempre stato il magnetismo.

Ebbene i tecnici Tag-Heuer sono ad un passo dall’essere in grado di domare questa forza naturale, e renderla complice della meccanica!

E’ il progetto Pendolum, già vivo quale “concept-watch”.

Pendolum è un orologio meccanico che funziona a bilancere e senza spirale.

Questa affermazione, se non fosse supportata dalla realtà dei fatti, correrebbe il rischio di essere tacciata di utopia.

I quattro magneti super-performanti utilizzati per Tag-Heuer Pendolum sono in grado di generare campi magnetici per decenni, senza alcuna alimentazione.

Possiamo ammirare qui a destra l’esploso del cuore del progetto.

L’orologio non conterrà assolutamente alcuna parte elettronica, risultando quindi meccanico al 100%.

Le alternanze/ora di questo nuovo e rivoluzionario bilancere sono 43.200 (6 al secondo).

Sono superati quindi tutti i limiti imposti dalla massa della spirale, mentre, fattore ancora più strabiliante, lo scappamento non subirà alcuna modifica, avvalendosi dell’utilizzo di un àncora tradizionale. Possiamo ammirare l’esploso dello scappamento ad àncora tradizionale nella fotografia a sinistra.

La straordinaria creatura di Tag-Heuer prende il nome dal “Pendolum clock” di Huigens, realizzato nel 1657.

Cliccare sull’immagine per assistere al bellissimo video che presenta il Pendolum.

Lascio ai lettori il tempo di metabolizzare questo rivoluzionario progetto, in attesa, nei prossimi articoli, di descrivere il calibro 360, protagonista di un altro concept-watche ai confini dell’incredibile.