Tag-Heuer e la Formula E, proiezione Futuro

La vocazione di Tag-Heuer per l’alta tecnologia e la ricerca più avveniristica, oltre che dimostrarsi in modo evidente con i nuovi modelli progettati dal brand

Stretta di mano tra Jean Christoph Babin e Alejandro Agag, dopo la stipula della partnership tra Tag-Heuer e la Formula E

Stretta di mano tra Jean Christoph Babin e Alejandro Agag, dopo la stipula della partnership tra Tag-Heuer e la Formula E per il relativo Campionato Mondiale FIA

di La Chaux de Fonds, viene celebrata attraverso un accordo di collaborazione stipulato il 15 maggio tra il brand guidato da Jean Christoph Babin e Alejandro Agag, CEO di Formula E Holdings.

A settembre 2014, infatti, debutterà il Campionato Mondiale FIA Formula E che vedrà impegnate le nuovissime automobili alimentate elettricamente, che ormai stanno raggiungendo autonomia e velocità regguardevoli, tanto da meritare l’attenzione della Federazione Mondiale per l’organizzazione di un nuovo ed appassionante Campionato.

I circuiti automobilistici di tutto il mondo si arricchiranno ulteriormente quindi dell’immagine Tag-Heuer, già abbondantemente impegnato ovunque rombino i motori.

Jean Christoph Babin ha dichiarato: “Essere parte del campionato mondiale di Formula E, la più prestigiosa competizione mondiale di auto da corsa alimentate elettricamente, rappresenta un passo coerente nell’evoluzione del legame tra TAG Heuer e i motori, in quanto concilia sia la nostra legittimità nell’universo racing che il nostro impegno nei confronti della sostenibilità”, ed ha aggiunto che questa intensa passione per i motori è nata per Tag-Heuer già nel 1911, con la produzione del primo cronografo da cruscotto.

Questa partnership si aggiunge alle numerose collaborazioni di Tag-Heuer, tra le quali ricordiamo quelle con Indy 500, il team Audi Sports a Le Mans, il World Endurance Championship, il Gran Premio di Monaco e con il Team Vodafone Mc Laren Mercedes in Formula 1.

Tag-Heuer, primo marchio orologiero a sponsorizzare un pilota di Formula 1, Jo Siffert nel 1969, vanta anche una collaborazione con la Ferrari nel corso degli anni ’70, divenendo il primo sponsor non tecnioco ad entrare nel grande carrozzone del Campionato motoristico più prestigioso del mondo.

La maison non è affatto nuova nel panorama dell’auto elettrica.

Nel 2010 ha organizzato con Tesla il primo giro del mondo a bordo di una GT car elettrica e dal 2011 è legato all’Electric Masters Kart di Paris Bercy.

Anche il CEO della Formula E Alejandro Agag ha voluto rimarcare l’importanza dell’accordo stipulato, sottolineando l’impegno di Tag-Heuer nel mondo dei motori e l’attinenza del brand con le nuove tecnologie.

Questo ulteriore impegno di Tag-Heuer è la migliore garanzia per sperare di vedere molto presto altri formidabili e sorprendenti segnatempo, che, come gli ultimi realizzati recentemente dal brand, hanno dato ulteriore lustro alla fantastica Storia dell’Orologeria.