Michael Owen per Orologi Tissot.

Michael Owen è nato nel 1979 a Chester, Inghilterra; quarto di cinque figli di un calciatore professionista.

Ma i genitori incoraggiarono i figli anche in altre attività, tant’è che Michael iniziò con la boxe, e solo a sette anni il padre si accorse delle sue potenzialità.

Michael Owen per Orologi Tissot

Michael Owen per Orologi Tissot

Infatti, a 11 anni era già nel mirino di grandi squadre e alla fine entrò a far parte delle giovanili del Liverpool proprio nel 1990.

Ma il debutto in prima squadra di Owen risale a maggio 1997, quando segnò contro il Wimbledon.

La stagione successiva fu la consacrazione ufficiale di Owen in tutto il mondo e non solo a Liverpool.

Infatti, nel 1998 venne chiamato in nazionale maggiore per partecipare al campionato del mondo, dove siglò il suo primo gol nell’incontro d’apertura contro la Romania.

Ma in quel campionato del mondo siglò anche un’altra rete, che a suo dire, è la migliore realizzazione di tutta la sua carriera: una corsa di cinquanta metri conclusa a rete contro l’Argentina.

Un gol che gli ha portato due prestigiosi premi a soli 19 anni: il BBC Sports Personalità e lo Year Award.

Il Liverpool ha vissuto una stagione straordinaria nel 2001.

Owen ha giocato in UEFA, nella FA Cup e vincendo Football League Cup, cosa che gli ha permesso di essere premiato col Pallone d’Oro come Miglior Calciatore dell’Anno.

Nel 2004, Owen era pronto per una nuova sfida raggiungendo le fila del Real Madrid, ma un cambio di allenatore gli costò il posto da titolare per molte partite della stagione.

Alla fine comunque della stagione fu il giocatore con la migliore percentuale gol/minuti giocati.

Nel 2005, però, decise di tornare in Inghilterra tra le fila del Newcastle United.

Nel 2009, Michael è passato al Manchester United, ricoprendo un ruolo importante per la vittoria finale in campionato e permettendo inoltre alla squadra di raggiungere la finale di Champions, persa contro l’intramontabile Barcellona nel 2010/2011.

Per il 2012, Michael vuole avere un ruolo importante per portare lo United a vincere il 20° titolo di campione d’Inghilterra e, con questo, ritagliarsi un posto anche a Euro 2012.

 

Traduzione di Raffele Carlettini.