Orologi Tissot a Salisburgo.

Appena giunti a Grosarl, una delle località più conosciute della Regione di Salisburgo, avevo capito che per intenditori ed appassionati delle lancette poteva essere vita dura.

Tutto giustificato considerato che in questa località, posta a 920m. sul livello del mare e nota agli appassionati di escursionismo, offre tanto al punto tale da permettersi di scordarsi di guardare l’orologio che si porta al proprio polso. L’unico pensiero forse è quello legato a quale baita alpina, c’è ne sono circa 40, raggiungere percorrendo i 250km di sentieri tracciati disponibili.

Orologi Tissot a Salisburgo

Orologi Tissot a Salisburgo

Eravamo comunque certi che raggiungendo Salisburgo, posta a circa 40km, potevamo concederci anche il vizio di andare alla ricerca di vetrine di orologi con una attenzione dedicata per gli Orologi Tissot.

Varcate le mura di una delle Città più belle d’Europa (non per nulla Patrimonio dell’Umanità anche se solo dal 1997) l’impresa non è parsa sin da subito tra le più facili.

Capitati nel bel mezzo del Festival Estivo della Musica di Salisburgo e circondati da migliaia di “palle al cioccolato fondente” è bastato poco per avere la conferma di essere nella Città di Wolfgang Amadeus Mozart.

Ospitale ai Turisti e comunque facilmente visitabile in un battibaleno si è passati dall’ombra dell’imponente Fortezza di Hohensalzburg che domina dall’alto la Città al cospetto del centrale Duomo Cittadino giungendo poi quasi casualmente, lasciandoci guidare dal fiume incessante di turisti, di fronte alla Casa di Mozart (la Geburtshaus).

E’proprio qui, nella centrale Getreidegasse (la via principale del centro storico), che la ns.ricerca pro-Orologi Tissot ha avuto termine.

Una vetrina dedicata alla nota maison di Le Locle con un azzeccatissimo (e direi Olimpionico) cartello vetrina.

Protagonista di questa composizione non solo una serie mozzafiato di Tissot T-Touch (in cui ha trovato spazio anche un raro Orologio T-Touch Expert Dragon 2012) ma anche una bella immagine di Tony Parker, Ambasciatore di Tissot.

Più che mai indovinata considerato che in questi giorni un insolito Tony Parker (nominato un “quattrocchi francese a Londra” dovendo ricorrere ad un paio di occhiali protettivi dopo uno sgradevole infortunio) è protagonista, con la propria Nazionale Francese, alle Olimpiadi di Londra alla caccia almeno di una medaglia di argento (visto che quella d’oro pare gia assegnata sin dalla partenza dei Giochi al Dream Team Stelle&Strisce).

Al Concessionario Tissot in Salisburgo i complimenti, tutti Italiani, da IlMioOrologioTissot.