Hip-Hop, l’altro modo di vestire colorato

L’orologio che contribuì a rompere gli schemi.

Quando nacque, negli anni ’80, Hip-Hop seguiva l’onda prorompente dello Swatch, l’orologio che rompendo i vecchi schemi riuscì nell’impresa di salvare l’industria svizzera dall’attacco giapponese.

La forte onda d’urto provocata dagli orologi elettronici LED e soprattutto LCD, fu terribile. Ancora oggi in territorio elvetico ringraziano Nicholas Hayek, che creando Swatch riuscì a mitigare i danni.

L’idea di un orologio che non potesse essere riparato, lasciò comunque una fetta di mercato, seppur momentaneamente, scoperta. Specialmente in Italia, paese romantico e attaccato alle tradizioni, che poi per contrappasso divenne patria dei più grandi collezionisti di orologi plasticosi.

In questa piega di mercato si inserì Hip-Hop (nato da una costola di Breil), che ebbe anche la capacità di interpretare la voglia di rinnovamento estetico, latente tra gli appassionati.

Era un orologio che aggiungeva anche il coinvolgimento dell’olfatto, parametro certamente nuovo e rivoluzionario nel settore.

Ogni Hip-Hop era di un colore diverso e profumato con essenze differenti che ne caratterizzavano la scelta cromatica.

I bracciali intercambiabili, poi, aprirono un mondo di fantasia, consentendo di creare abbinamenti tra il colore delle lancette e quello predominante. Anche questo fatto assolutamente nuovo che aprì orizzonti.

Oggi Hip-Hop offre una gamma di orologi e bracciali che possono soddisfare ogni esigenza.

La forma è restata fedele al prototipo, ma può essere reperito in dimensioni diverse. Ma soprattutto si è scatenata la fantasia per quanto riguarda l’aspetto cromatico.

Ogni Hip-Hop, ormai, è un vero inno alla gioia e presenta soluzioni estetiche che invitano al collezionismo.

Restando anche fedele alla filosofia di un prodotto altamente accessibile.

Possiamo sfogliare un ampio catalogo cliccando sul seguente link: https://www.gioielleriacannoletta.it/categoria-prodotto/hip-hop/